Introduzione al CBD: la guida definitiva al cannabidiolo

Che cos’è il CBD? Come funziona il CBD? Quali sono le differenze tra CBD e THC? Il CBD ha effetti psicoattivi? Il CBD comparirà in un test antidroga? Quali sono i suoi veri benefici? Quali sono gli effetti collaterali? Il CBD è legale? Ecco tutto quello che c’è da sapere sul cannabidiolo (CBD).
Scritto da 
Diana Rangaves, PharmD, Clinical Consultant, Google Scholar.
|Ultimo aggiornamento:

Il cannabidiolo (CBD) è stato etichettato qualche anno fa come “il composto più frainteso del pianeta” da molti apologeti del CBD della marijuana. Ad ogni modo, negli ultimi 20 anni, 33 Stati degli Stati Uniti hanno approvato l’uso medicinale del CBD derivato dalla marijuana. Inoltre, a livello federale, il CBD proveniente dalla canapa è legale ai sensi della Legge Agricola del 2018.

L’uso dei consumatori e la popolarità del cannabidiolo nel mercato statunitense è in continua crescita. Gli esperti del settore prevedono che la quota di fatturato del CBD supererà i 2 miliardi di dollari entro il 2020. Sulla base di recenti risultati, circa il 7% degli americani utilizza prodotti al CBD. Le stime della Cowen & Co dimostrano un aumento del 10% entro il 2025, visto che i consumatori cercano un trattamento alternativo migliore per i loro disturbi. Secondo il Consumer Reports, il CBD è più popolare tra i giovani dai 20 ai 30 anni, e meno popolare tra gli anziani sopra i 60 anni. I dati demografici di genere indicano che le donne sono più propense a utilizzare il CBD per scopi di benessere, mentre gli uomini per scopi sociali e spirituali.

Capire il CBD

Che cos’è il CBD?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il cannabidiolo (CBD) è uno dei composti cannabinoidi naturali contenuti nelle piante di cannabis. Il CBD è un composto terpene fenolico a 21 atomi di carbonio generato da un processo di decarbossilazione di un precursore dell’acido cannabidiolico.

Il CBD è il secondo principio attivo più comune nelle piante di cannabis (marijuana). Per molti anni è stato una parte importante della marijuana medica. Viene estratto direttamente dalla pianta di canapa, una cugina della cannabis. Viene utilizzato in prodotti come cibo, caramelle gommose e oli per dare un senso di calma e rilassamento.

I risultati di studi di ricerca preclinici e clinici dimostrano che il CBD ha forti proprietà anti-convulsive, antinfiammatorie, antiossidanti, antidepressive, antitumorali, anti-psicotiche e neuroprotettive. Secondo una ricerca pubblicata nell’Ottobre del 2018, il CBD non ha proprietà intossicanti, quindi non provoca sensazioni di “sballo”. Ci sono tantissime affermazioni fatte dai sostenitori del CBD che indicano che il composto può trattare efficacemente condizioni come ansia, dolore cronico, artrite reumatoide, cancro, disturbo post traumatico da stress (DPTS), sclerosi multipla (SM) e malattie cardiovascolari. Negli Stati Uniti e in altre parti del mondo è in corso la ricerca per accertare gli effetti del CBD su questi e altri disturbi.

Identificazione della sostanza

● Aspetto fisico: un solido cristallino

● Peso molecolare: 314

● Formula chimica: C21-H30-O2

● Denominazione comune internazionale (DCI): cannabidiolo

● Numero di registro del Chemical Abstract Service (CAS): 13956-29-1

● Altri nomi chimici: CBD, 2-[1R-3-methyl-6R-(1-methylethenyl)-2-cyclohexen-1-yl]-5-pentyl-1,3- benzenediol

Qual è la differenza tra CBD e THC?

Il CBD (cannabidiolo) e il THC (tetraidrocannabinolo) sono i principali cannabinoidi naturali presenti nelle piante di Cannabis Sativa. Hanno la stessa formula chimica e interagiscono con il sistema endocannabinoide del corpo. Tuttavia, c’è una differenza nella disposizione dei loro atomi. Questo spiega i diversi effetti che hanno sul corpo.

CBD e THC, a causa delle loro strutture molecolari, interagiscono in modo diverso con i recettori CB1 e CB2 del sistema endocannabinoide. Anche se entrambi si legano con il recettore CB2, la loro interazione con il recettore CB1 è diversa. Secondo il National Center for Biotechnology Information (NCBI), il THC si lega direttamente al CB1. Questo legame, una volta completato, risulta in reazioni che trasmettono segnali al cervello responsabili della sensazione di euforia associata alla marijuana. Gli studi di brain imaging rivelano che la regione della corteccia prefrontale del cervello sperimenta un aumento del flusso sanguigno durante l’intossicazione da THC. Questa regione è responsabile dell’attenzione, del processo decisionale e altre funzioni esecutive, come l’autocontrollo, l’innesco delle azioni e l’organizzazione. Il sovradosaggio di THC può influenzare una qualsiasi di queste funzioni esecutive a vari livelli a seconda dell’individuo.

Il CBD, d’altra parte, non si lega direttamente al recettore CB1. La sua presenza, secondo la ricerca, può annullare con un processo la connessione tra il THC e i recettori CB1, neutralizzando gli effetti psicoattivi indotti dal THC.

Il THC è il principale composto psicoattivo nella marijuana responsabile dell’effetto di “sballo”. È disponibile in tinture, oli, capsule, prodotti commestibili e altro ancora. Può anche essere consumato fumando marijuana. Diversamente dal THC, “il CBD non causa effetti psicoattivi. Questo lo rende attraente per le persone non interessate agli effetti psicoattivi, ma che desiderano gli altri benefici offerti dal CBD”, afferma Sara Ward, farmacologa presso la Temple University di Philadelphia.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il CBD non mostra alcun effetto potenziale né di abuso né di dipendenza. In più, ad oggi non ci sono prove di eventuali problemi di salute pubblica legati all’uso di CBD puro.

“Il CBD è parte integrante del mio regime di allenamento e post-combattimento che accelera il processo di guarigione naturale del mio corpo”, afferma Anthony. Sergio aggiunge: “Anziché affidarmi ad antinfiammatori potenzialmente dannosi come il Tylenol e l’Advil, ho iniziato a usare il CBD e ho visto risultati incredibili senza effetti collaterali.”

Anthony and Sergio Pettis (professionisti di Arti Marziali Miste (MMA) e lottatori UFC)

Meccanismo d’azione: come funziona il CBD?

Il CBD e il cervello

I recettori dei cannabinoidi presenti nel corpo sono responsabili della regolazione di molti processi diversi a cui siamo sottoposti ogni giorno, come l’appetito, l’umore, la sensazione del dolore e la memoria. Il sistema è attivato dagli endocannabinoidi presenti in natura, dal CBD o dalla pianta, e dai cannabinoidi presenti nella canapa.

Alcuni dei modi attraverso cui il CBD esercita la sua influenza terapeutica sul corpo sono:

● Il CBD si lega di più ad altri recettori non cannabinoidi e ai canali ionici, al contrario del THC che si lega fortemente ai recettori CB1 e CB2. Il CBD attiva recettori tra cui il recettore della serotonina 5-HT1A (idrossitriptamina), il recettore vanilloide, i recettori dell’adenosina, il GPR55 e i PPAR.

● Il CBD funziona anche agendo attraverso percorsi multipli indipendenti dai recettori (recettore = minuscole proteine presenti sulla superficie della maggior parte delle cellule). I recettori agiscono come “pulsanti di attivazione” sulle cellule, e quando sono attivati da composti che vi entrano all’interno, dicono alla cellula cosa fare o non fare. Per esempio: ritardano la ricaptazione di neurotrasmettitori endogeni, come l’adenosina e l’anandamide.

● Il CBD funziona come un antagonista bloccando o disattivando il GPR55 – un altro recettore accoppiato alla proteina G. Esso agisce come un antagonista che blocca o disattiva un altro recettore accoppiato alla proteina G, noto come GPR55.

● Il CBD produce un effetto terapeutico diverso a seconda del recettore o del canale ionico attivato.

Perché il CBD non funziona per tutti

Magari hai deciso di provare il CBD per le dichiarazioni di salute di cui hai sentito parlare. Dopo averlo provato per settimane o mesi, non hai notato alcun miglioramento o cambiamento nella tua salute. Non sei l’unico. Ma, prima di voltare le spalle al CBD, ci sono quattro motivi legittimi per cui il CBD potrebbe non funzionare su di te.

Dosaggio sbagliato

Questo è un problema serio per gli utenti di CBD. Gli effetti del CBD variano da individuo a individuo. Pertanto, è difficile consigliare un dosaggio che vada bene per tutti quando si tratta di CBD. Se non assumi la giusta dose al momento giusto le possibilità di ottenere il pieno beneficio sono limitate. Fattori come età, storia clinica, sesso, condizioni di salute, peso e etnia possono influenzare il dosaggio.

Si consiglia di iniziare con poco e aumentare gradualmente. Iniziando con una piccola dose e aumentando lentamente dopo 4 o 5 giorni, troverai il tuo cosiddetto punto debole. Quello sarà il dosaggio che attiva il sistema endocannabinoide.

Prodotto di bassa qualità proveniente da fonti discutibili

Si parla tantissimo del CBD, e grazie alle fake news c’è chi si prende gioco di molti consumatori. Il CBD è disponibile ovunque, dalle aziende online ai negozi di vendita libera. Ciò solleva preoccupazioni sulla qualità, soprattutto in un’industria che non è ancora regolata dalla Food and Drug Administration (FDA). Questo serve su un piatto d’argento ai truffatori l’opportunità di fare soldi veloci vendendo prodotti al CBD di bassa qualità che non sono potenti come affermano.

Se hai utilizzato un particolare prodotto al CBD per settimane o mesi, e non è cambiato niente, potresti dover provare un altro prodotto al CBD. Molti consumatori di CBD hanno provato diversi marchi fino a che non ne hanno trovato uno che funzionasse per loro. Cose importanti nella scelta di un prodotto al CBD di qualità:

Presta molta attenzione alle recensioni online dei consumatori

Potete trovarle qui sul nostro sito e anche su altre risorse affidabili sul web.

Scegli i prodotti al CBD da marchi affermati

Nel corso degli anni alcuni marchi si sono fatti un nome nel settore del CBD grazie alla qualità dei loro prodotti. Puoi sceglierne uno da questo elenco dei migliori prodotti al CBD e non dovrai preoccuparti della qualità dell’articolo che stai acquistando.

Chiedi la conferma di test di laboratori esterni

Informati sulle analisi di un test di laboratorio esterno. I test di laboratorio possono rivelare la quantità di CBD presente nel prodotto.

Prenditi il tempo necessario

La chimica del nostro corpo è unica e ognuno di noi reagisce al CBD in modo diverso. Anche se alcune persone potrebbero sperimentare risultati immediati, questo, tuttavia, non vale per tutti. Con te il CBD potrebbe non funzionare velocemente come previsto. Potrebbero volerci settimane o mesi prima di iniziare a notare i cambiamenti che ti aspettavi. È necessario che tu rimanga costante con il dosaggio per settimane prima di chiudere con un particolare marchio di CBD.

Tenta un metodo di assunzione diverso

Il CBD esiste in varie forme come olio da svapo, tinture, caramelle gommose, creme topiche e capsule. Se hai provato un metodo di assunzione senza risultati positivi, dovresti considerare di provarne un altro. Comunque, nella scelta di un metodo di assunzione la biodisponibilità dovrebbe essere il fattore principale da considerare. Questo regola la quantità di CBD che alla fine arriva nel flusso sanguigno. Ad esempio, le tinture vengono assorbite più velocemente nel sangue rispetto alle caramelle gommose, che devono passare attraverso il tratto digestivo prima di essere processate.

Le aspettative errate

Sui media c’è così tanta confusione su ciò che il CBD può fare. Molti consumatori hanno provato il CBD solo per rimanere delusi per colpa di aspettative irrealistiche. È essenziale informarsi su ciò che il CBD può o non può fare.

“Il CBD aiuta con il dolore, lo stress e l’ansia. Ha tutti i benefici della marijuana senza lo sballo”.

Jennifer Aniston (attrice, produttrice cinematografica e imprenditrice)

I benefici del CBD

La ricerca sul CBD e sulla rete neurale correlata all’ansia indica che il CBD ad alte concentrazioni attiva direttamente il recettore della serotonina 5-HT1A (idrossitriptamina). Di conseguenza questo gli conferisce un effetto ansiolitico. Il recettore accoppiato alle proteine G coinvolto attiva diversi meccanismi biologici e neurologici. In particolare, ma non limitatamente a, appetito, ansia, dipendenza, percezione del dolore, nausea, sonno e vomito.

Sonno

Un numero crescente di studi suggerisce che il CBD aiuta le persone che soffrono di disturbi del sonno. Per i suoi effetti sedativi, Il CBD attiva i recettori del GABA e i recettori della serotonina nel sistema endocannabinoide cerebrale. Questi recettori svolgono un ruolo importante nella modulazione dell’umore e dell’ansia, che sono vitali per il sonno. Il GABA inibisce l’eccesso di attività nel cervello, promuovendo quindi il rilassamento.

Ansia

La ricerca indica che il CBD genera un effetto calmante nel sistema nervoso centrale che allevia l’ansia. Lo fa attivando i recettori della serotonina. Secondo il Dr. James Murrough, direttore del Programma sui disturbi dell’umore e dell’ansia presso la scuola di medicina di Icahn al monte Sinai, questa attivazione aumenta la serotonina nel cervello, migliorando così l’umore.

Depressione

Ci sono prove scientifiche limitate a sostegno dell’affermazione secondo cui il CBD può trattare la depressione. Tuttavia, dal 2014 la ricerca fornisce preziose informazioni sul perché il CBD è considerato utile nel trattamento della depressione. L’interazione positiva del CBD con i recettori della serotonina nel cervello è considerata da molti un elemento cruciale della terapia per la gestione della depressione.

Dolore

Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, il CBD è considerato efficace per alleviare il dolore. Riduce l’infiammazione e promuove il sonno interagendo con altri recettori nel sistema endocannabinoide. Quasi tutte le prove scientifiche che supportano questa affermazione derivano dalla ricerca sugli animali. A parte le testimonianze dei consumatori, attualmente sono pochissime le conferme provenienti da studi sull’uomo.

Disturbo convulsivo dell’epilessia

L’Epidiolex, un prodotto al CBD di origine vegetale, è stato recentemente approvato dalla FDA per il trattamento delle convulsioni in persone a partire da due anni di età con la sindrome di Lennox-Gastaut (LGS) e la sindrome di Dravet.

Neuroprotezione e malattie neurodegenerative

Le proprietà antinfiammatorie del CBD sono considerate promettenti per i disturbi neurodegenerativi. Secondo la NCBI, l’infiammazione causa la perdita di neuroni nel sistema nervoso. Questo, a sua volta, porta al declino delle funzioni motorie e cognitive, provocando così la cascata di sintomi neurodegenerativi.

Artrite

Il CBD, secondo uno studio animale pubblicato sull’European Journal of Pain, riduce l’infiammazione e i segni del dolore da artrite senza effetti collaterali. I ricercatori hanno notato un calo significativo del dolore da artrite somministrando ai ratti un gel topico per quattro giorni. Come sempre, per confermare questa affermazione c’è bisogno di condurre studi clinici sugli esseri umani.

Diabete

Uno studio del 2015 sostiene che il CBD ha effetti antinfiammatori sui ratti. È documentato che l’eccesso di infiammazione influenza la progressione della resistenza all’insulina e del diabete di tipo II. Potrebbe quindi avere effetti benefici sugli esseri umani.

Nel 2016, i ricercatori dell’Università di Nottingham nel Regno Unito hanno dimostrato che il CBD, insieme alla tetraidrocannabivarina (THCV), riduce i livelli di glucosio nel sangue e aumenta la produzione di insulina nelle persone con diabete di tipo II.

Cosa devi sapere

Il dosaggio

I sostenitori del CBD ti direbbero che l’overdose di CBD non esiste. Che puoi prenderne quanto ne vuoi fino a trovare il dosaggio giusto per te. Si deve stare attenti, perché 2,5 mg/kg due volte al giorno (5 mg/kg/gg) è la dose iniziale raccomandata per il prodotto al CBD approvato (Epidiolex) per bambini e adulti. Questa dose può essere raddoppiata dopo una settimana a 10 mg/kg/gg se la persona non sperimenta alcun cambiamento positivo. Ad ogni modo, la dose massima raccomandata è di 20 mg/kg/gg sia per i bambini che per gli adulti.

Quanto rimane il CBD nel tuo sistema?

Quanto spesso si dovrebbe assumere il CBD e quanto tempo ci vuole perché funzioni?

Il Medline Plus afferma che i prodotti al CBD approvati (Epidiolex) devono essere assunti due volte al giorno senza superare i 20 mg totali.

I nostri sistemi corporei sono diversi e l’effetto del CBD può manifestarsi a partire da 5 minuti in poi a seconda dell’individuo. Secondo il NIH, il CBD è rilevabile nel fluido corporeo fino a 30 giorni o più dopo l’ultimo utilizzo. Il periodo di tempo in cui il CBD rimane nel sistema dipende dal numero di dosi, dalla frequenza d’uso, dall’età, dal sesso, dall’indice di massa corporea e dall’etnia.

Comunque, attualmente, non conosciamo il periodo di tempo definitivo in cui il CBD rimane nel corpo, perché la ricerca è ancora in corso. In linea generale ci vuole in media una settimana affinché il CBD esca definitivamente dal sistema.

Gli effetti collaterali del CBD

Alcune ricerche dimostrano che l’uso del CBD può causare vari effetti come:

● Bocca secca

● Diarrea

● Riduzione dell’appetito

● Cambiamenti di umore

● Stanchezza

● Sonnolenza

● Nausea

● Vomito

La polmonite e la diminuzione dell’ossigeno nel sangue o nei tessuti sono alcuni degli effetti collaterali rari del CBD.

Lesioni epatiche, reazioni di ipersensibilità da farmaco e pensieri suicidi sono alcuni degli effetti collaterali rari dell’uso di prodotti al CBD.

Reazioni avverse

Uno studio rivela che il CBD può causare reazioni avverse come disturbi digestivi, irritabilità, sonnolenza e aggravamento delle convulsioni nei bambini con epilessia refrattaria.

Interazioni farmacologiche

Il CBD interagisce negativamente con molti farmaci, anche se il livello di interazione varia da persona a persona. Secondo il Medline Plus, l’uso di CBD insieme alla seguente lista parziale di farmaci può influire negativamente sul corpo. Si raccomanda di non assumere CBD insieme a questi farmaci. L’elenco completo è disponibile qui.

● Acido valproico

● Clobazam

● Eslicarbazepina

● Topiramato

● (Substrati del citocromo P450 1A1 (CYP1A1))

● (Substrati del citocromo P450 1A2 (CYP1A2))

● (Substrati del citocromo P450 1B1 (CYP1B1))

● (Substrati del citocromo P450 2B6 (CYP2B6))

● (Substrati del citocromo P450 2C9 (CYP2C9))

● (Substrati del citocromo P450 3A4 (CYP3A4))

Un futuro promettente

Il CBD è un composto non psicoattivo derivato dalla pianta di canapa e dalla cannabis. A differenza del THC, non produce l’effetto di “sballo”. Vista la sua crescente popolarità e l’accettazione del CBD in tutto il mondo, si può dire che questo composto è qui per restare. Prove incoraggianti derivati da studi animali dimostrano che il CBD è efficace e sicuro. Tuttavia, bisogna stare molto attenti fino a quando non saranno presentate ulteriori prove di ricerca scientifica umana in doppio cieco, controllata con placebo, per verificare le affermazioni fatte.

Con il ritmo continuo della ricerca attuale sull’efficacia del CBD, il futuro sembra luminoso. Prima di iniziare qualsiasi trattamento a base di CBD dovresti chiedere il parere del tuo medico.

Dichiarazione di non responsabilità medica

Secondo il Federal Food, Drug, and Cosmetic Act dobbiamo informarti del fatto che l’efficacia dei prodotti al CBD o CBDV non è stata confermata dalla ricerca approvata dalla FDA come trattamento per qualsiasi condizione medica. Le informazioni contenute in questo documento non hanno lo scopo di diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia.

Riferimenti

Alvarez, FJ et al. (2008). Neuroprotective effects of the nonpsychoactive cannabinoid in hypoxic-ischemic newborn piglets. Pediatric research, 64(6): 653-8. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18679164

Ashton, CH et al. (2005). Cannabinoids in bipolar affective disorder: a review and discussion of their therapeutic potential. Journal of psychopharmacology, 19(3): 293-300. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15888515

Bakas, T et al. (2017). The direct actions of cannabidiol and 2-arachidonoyl glycerol at GABAA receptors. Pharmacological research, 119: 358-370. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28249817

Baron, EP. (2015). Comprehensive Review of Medicinal Marijuana, Cannabinoids, and Therapeutic Implications in Medicine and Headache: What a Long Strange Trip its Been…Headache, 55(6): 885-916. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26015168

Bradford, Alina (2017, May 18). What is THC? LiveScience. Estratto da: https://www.livescience.com/24553-what-is-thc.html

Booz, GW (2011). Cannabidiol as an emergent therapeutic strategy for lessening the impact of inflammation on oxidative stress. Free radical biology and medicine, 51(5): 1054-61. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21238581

Boychuk, DG, et al. (2015). The effectiveness of cannabinoids in the management of chronic nonmalignant neuropathic pain: a systematic review. Journal of oral & facial pain and headache, 29(1): 7-14. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25635955

Brooks, PL and JH Peever. (2008). Unraveling the mechanisms of REM Sleep Atonia. Sleep, 31: 1473-91. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2579970/

Carlini, EA and JM Cunha. (1981). Hypnotic and antiepileptic effects of cannabidiol. Journal of clinical pharmacology, 21(8-9Suppl): 417S-427S. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7028792?dopt=Abstract

Chagas, MH et al. (2014). Cannabidiol can improve complex sleep-related behaviours associated with rapid eye movement sleep behaviour disorder in Parkinson’s disease patients: a case series. Journal of clinical pharmacy and therapeutics, 39(5): 564-6. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24845114

Cunha, JM et al. (1980). Chronic administration of cannabidiol to healthy volunteers and epileptic patients. Pharmacology, 21(3): 175-85. Retrieved from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7413719?dopt=Abstract

Crippa, JM (2011). Neural basis of anxiolytic effects of cannabidiol (CBD) in generalized social anxiety disorder: a preliminary report. Journal of psychopharmacology, 25(1): 121-30. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20829306?dopt=Abstract

de Mello Schier AR et al; Antidepressant-like and anxiolytic-like effects of cannabidiol: a chemical compound of Cannabis sativa; NCBI; d2014. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24923339

Deutsch, DG. (2016). A Personal Retrospective: Elevating Anadamide (AEA) by Targeting Fatty Acid Amide Hydrolase (FAAH) and the Fatty Acid Binding Proteins (FABPs). Frontiers in Pharmacology, 7: 370. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27790143

Elikotil, J et al. (2009). The Analgesic Potential of Cannabinoids. Journal of Opioid Management, 5(6): 341-57. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3728280/

Fernandez-Ruiz J et al; Cannabidiol for neurodegenerative disorders: important new clinical applications for this phytocannabinoid? ; NCBI; February 2013. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22625422

Guindon, J and AG Hohmann. (2009). The endocannabinoid system and pain. CNS & Neurological Disorders Drug Targets, 8(6): 403-21. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19839937

Hampson, AJ et al. (1998). Cannabidiol and (-)∆9-tetrahydrocannabinol are neuroprotective antioxidants. Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, 95(14): 8268-8273. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC20965/

Hsiao, Y-T et al. (2012). Effect of cannabidiol on sleep disruption induced by the repeated combination tests consisting of open field and elevated plus-maze in rates. Neuropharmacology, 62(1): 373-384. Estratto da: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0028390811003467

Hortes n Chagas, M et al. (2013). Effects of acute systemic administration of cannabidiol on sleep-wake cycle in rats. Journal of Psychopharmacology, 27(3). Estratto da: http://journals.sagepub.com/doi/abs/10.1177/0269881112474524

Huestis, MA (2007). Human Cannabinoid Pharmacokinetics. Chemistry & Biodiversity, 4(8): 1770-1804. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2689518/

Jadoon, Khalid A; Efficacy and Safety of Cannabidiol and Tetrahydrocannabivarin on Glycemic and Lipid Parameters in Patients With Type 2 Diabetes: A Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled, Parallel Group Pilot Study;| Diabetes Care ; October 2016

https://www.diabetes.co.uk/news/2015/Apr/cbd-compound-in-cannabis-could-treat-diabetes,-researchers-suggest-95335970.html

Kwon, Diana (2016, January 22). Can Cannabis Treat Epileptic Seizures? Scientific American. Estratto da: https://www.scientificamerican.com/article/can-cannabis-treat-epileptic-seizures/

Laprairie, RB (2015). Cannabidiol is a negative allosteric modulator of the cannabinoid CB1 receptor. British Journal of Pharmacology, 172(20): 4790-4805. Estratto da: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/bph.13250/abstract

Leweke, FM (2012). Cannabidiol enhances anadamide signaling and alleviates psychotic symptoms of schizophrenia. Translational Psychiatry, 2(3): e94. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3316151/

Mackie, K. (2008). Cannabinoid receptors: where they are and what they do. Journal of Neuroendocrinology, Suppl 1: 10-4. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18426493

Mannucci, C et al. (2017). Neurological aspects of medical use of cannabidiol. CNS & Neurological Disorder Drug Targets. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28412918

Massi, P. (2008). 5-Lipoxgenase and anadamide hydrolase (FAAH) mediate the antitumor activity of cannabidiol, a non-psychoactive cannabinoid. Journal of neurochemistry, 104(4): 1091-1100. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18028339

McAllister, SD et al. (2015). The antitumor activity of plant-derived non-psychoactive cannabinoids. Journal of neuroimmune pharmacology, 10(2): 255-67. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25916739

de Mello Schier, AR et al. (2014). Antidepressant-like and anxiolytic-like effects of cannabidiol: a chemical compound of Cannabis sativa. CNS & Neurological Disorders Drug Targets, 13(6): 953-960. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24923339

Morgan, CJ et al. (2013). Cannabidiol reduces cigarette consumption in tobacco smokers: preliminary findings. Addictive behaviors, 38(9): 2433-6. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23685330

Murillo-Rodriguez, E et al. (2014). Potential effects of cannabidiol as a wake-promoting agent. Current Neuropharmacology, 12(3): 269-272(4). Estratto da: http://www.ingentaconnect.com/content/ben/cn/2014/00000012/00000003/art00006

Natural Medicines Therapeutic Research. Cannabidiol. (2017, April 3). Estratto da: https://naturalmedicines.therapeuticresearch.com

Pazos, MR et al. (2013). Mechanisms of cannabidiol protection in hypoxic-ischemic newborn pigs: role of 5HT(1A) and CB2 receptors. Neuropharmacology, 71: 282-91. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23587650

Pertwee, RG (2005). Pharmacological actions of cannabinoids. Handbook of experimental pharmacology, (168): 1-51. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16596770

Prud’homme, M et al. (2015). Cannabidiol as an intervention for addictive behaviors: a systematic review of the evidence. Substance abuse, 9: 33-8. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4444130/

Reggio, Patricia H.Endocannabinoid Binding to the Cannabinoid Receptors: What Is Known and What Remains Unknown; NCBI; August 4th, 2014. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4120766/?source=post_page——-

Robson, PJ (2014). Therapeutic potential of cannabinoid medicines. Drug testing and analysis, 6(1-2): 24-30. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24006213

Russo, E and GW Guy. (2006). A tale of two cannabinoids: The therapeutic rationale for combining tetrahydrocannabinol and cannabidiol. Medical hypotheses, 66(2)234-246. Estratto da: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0306987705004317

Russo, EB (2008). Cannabinoids in the management of difficult to treat pain. Therapeutics and clinical risk management, 4(1): 245-259. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2503660/

Saito, VM et al. (2012). Cannabidiol modulation of neuroinflammatory disorders. Current neuropharmacology, 10(2): 159-66. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3386505/

Wolf, SA et al. (2010). Cannabinoid receptor CB1 mediates baseline and activity-reduced survival of new neurons in adult hippocampal neurogenesis. Cell communication and signaling: CCS, 8:12. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20565726/

Zuardi, AW et al. (2006). Cannabidiol, a cannabis sativa constituent, as an antipsychotic drug. Brazilian journal of medical and biological research, 39(4): 421-9. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16612464?dopt=Abstract

Zuardi, AW (1953). Effects of ipsapirone and cannabidiol on human experimental anxiety. Journal of psychopharmacology, 7(1 Suppl): 82-8. Estratto da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22290374?dopt=Abstract

Understanding CBD Report | Bright Field Group https://www.brightfieldgroup.com/library/understanding-cbd-report

Analysis: Nearly 7 percent of American uses CBD cannabis compound https://www.pressherald.com/2019/02/25/analysis-nearly-7-percent-of-americans-use-cbd-cannabis-compound/

CBD vs THC: The Difference Explained; CBD Origin; Medium; Aaron Cadena; Sept 30th 2018 https://medium.com/cbd-origin/cbd-vs-thc-the-difference-explained-b3cfc1da52f0

Cowen’s Collective View of CBD; Cowen Outperform; Cowen Research et al; February 25th 2019 https://www.cowen.com/reports/cowen-collective-view-of-cbd/

CBD Goes Mainstream – Consumers Report, Lisa L. Gill, April 11th , 2019 https://www.consumerreports.org/cbd/cbd-goes-mainstream/

DEA says Hemp Derived CBD Oil Products are Federally Legal; Anavii Market; Jason Amatucci; April 18th 2019. https://www.anaviimarket.com/blogs/news/dea-says-hemp-derived-cbd-oil-products-are-federally-legal

New data show Americans are turning to CBD as a cure-all for the modern condition; Quartz; Dan Kopf and Jenni Avins; April 15th, 2019. https://qz.com/1590765/survey-shows-americans-use-cbd-to-treat-anxiety-and-stress/

Marijuana is legal for medical purposes in 33 states; Vox; German Lopez; May 10th, 2019 https://www.vox.com/identities/2018/8/20/17938366/medical-marijuana-legalization-states-map

CANNABIDIOL (CBD) Critical Review Report | World Health Organization https://www.who.int/medicines/access/controlled-substances/CannabidiolCriticalReview.pdf

Cannabiodiol (CBD) – what we Know, and what We Don’t | Harvard Health Publishing https://www.health.harvard.edu/blog/cannabidiol-cbd-what-we-know-and-what-we-dont-2018082414476

Cannabinoid Receptor 1 Gene by Cannabis Use Interaction on CB1 Receptor Density; NCBI; Ariel Ketcherside et al; August 1st 2017https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5628563/

Neuroimaging in cannabis use: a systematic review of the literature; NCBI; Martins Santos R et al; July 23rd 2009 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19627647

Executive Function & Self-Regulation; Center on the Developing Child https://developingchild.harvard.edu/science/key-concepts/executive-function/

How CBD works? | Project CBD https://www.projectcbd.org/science/how-cbd-works

Receptor | Project CBD https://www.projectcbd.org/cannabis-terms/receptor

Anandamide | Project CBD https://www.projectcbd.org/cannabis-terms/anandamide

CBD User’s Guide https://www.projectcbd.org/how-to/cbd-user-guide

Labeling Accuracy of Cannabidiol Extracts Sold Online; Jama Network; Marcel O. Bonn Miller et al; November 7th 2017. https://jamanetwork.com/journals/jama/article-abstract/2661569

Transdermal cannabidiol reduces inflammation and pain-related behaviours in a rat model of arthritis; NCBI; D.C. Hammell et al; January 2016. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4851925/

An Update on Safety and Side Effects of Cannabidiol: A Review of Clinical Data and Relevant Animal Studies| Mary Ann Liebert, Inc; Kerstin iffland; Ist June 2017 https://www.liebertpub.com/doi/10.1089/can.2016.0034

Seizure| CBD-enriched medical cannabis for intractable pediatric epilepsy; Michal Tzadok ; February 2016.https://www.seizure-journal.com/article/S1059-1311(16)00005-4/fulltext https://doi.org/10.1016/j.seizure.2016.01.004

 

PIACIUTA LA LETTURA? CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO
Diana Rangaves
Diana Rangaves
PharmD, Clinical Consultant, Google Scholar
Dr. Diana Rangaves is Doctor of Pharmacy (Pharm D). She graduated from the University of California, San Francisco and specializes in pharmacotherapy management. Diana has a broad range of acute clinical background and ambulatory care. She was an academic college professor; teaching critical thinking, ethics, pharmacology, addiction, behavior patterns, pharmacy, and nursing. As a Clinical Pharmacist, she is focused on chronic or disease state management.

Scopri di più

SEGUICI
Importante dichiarazione di non responsabilità
Tutti i contenuti del sito LeafReport, come testo, grafici, immagini e altro materiale presente sul sito LeafReport, hanno una funzione puramente informativa. Il contenuto non è destinato a sostituire la consulenza, diagnosi o trattamento medico professionale. Chiedi sempre il parere del tuo medico o di un altro operatore sanitario qualificato per qualsiasi domanda tu possa avere su una condizione di salute. Non ignorare mai il parere medico professionale e non tardare a richiederlo per qualcosa che hai letto sul sito LeafReport!